Regolamento generale per gli studenti

Premessa
Fondazione Accademia di Comunicazione è luogo di studio e lavoro e come tale deve essere vissuta dagli studenti che hanno il dovere e l’interesse a contribuire al buon andamento della loro scuola.
Si richiede pertanto un comportamento educato e civile, nel rispetto di quelle regole fondamentali che connotano il vivere sociale.
La Direzione si riserva, a proprio insindacabile giudizio, di allontanare da Accademia chi non si comporta con educazione e in ossequio al Regolamento.

A. Significato del Regolamento
Il presente Regolamento contiene prescrizioni di carattere generale e prescrizioni di carattere tecnico (queste ultime sono contenute nell’allegato al Regolamento).

B. Obiettivo
Obiettivo del Regolamento è di portare gli studenti:

a osservare comportamenti compatibili con le esigenze della struttura e dell’intera nostra collettività: docenti, studenti, staff;
a praticare la condivisione ottimale della tecnologia, a utilizzarla secondo criteri di competenze crescenti e ad acquisire la formazione per impiegare la tecnologia in modo professionale, come deve avvenire nei luoghi di lavoro.


Prescrizioni di carattere generale
1. Comportamenti
Vige il divieto assoluto di fumo all’interno della struttura: non è consentito fumare nelle aule, nei corridoi, nei bagni, lungo le scale, al Piano Servizi né in qualsiasi altro posto che possa essere considerato interno. Sono in funzione rilevatori di fumo.
I trasgressori saranno allontanati da Accademia, ferme restando le sanzioni previste dalla normativa vigente.
Gli studenti sono pregati di lasciare la scuola pulita.
È vietato mangiare nei luoghi di lavoro.
La pulizia dei servizi igienici è indice di civiltà.
Gli studenti dovranno appendere i cappotti e giacche sugli appositi attaccapanni e non lasciare le borse incustodite. Accademia non risponde di eventuali ammanchi.
Tutto ciò che sarà trovato abbandonato alla fine della giornata sarà gettato via o donato a Enti Benefici con comunicazione in bacheca.
È vietato l’ascolto della radio senza auricolare nei locali di Accademia per non disturbare chi sta lavorando.

2. Orari e Frequenza
Gli orari delle lezioni e dei laboratori sono fissati dalla Direzione e resi noti agli studenti con la consegna degli orari di lezione.
È vietato agli studenti entrare in aula dopo l’inizio delle lezioni o allontanarsi dall’aula prima della fine delle lezioni, salvo accordi con la Direzione per gravi motivi.

3. Assenze
La frequenza alle lezioni è obbligatoria.
Per i Corsi riconosciuti dalla Regione Lombardia coloro che avranno effettuato sul totale delle ore di lezione assenze superiori al 25% per legge, non saranno ammessi agli esami pubblici finali del 2° anno e del 3° anno.
Per tutti i corsi di Accademia la frequenza è fondamentale per acquisire le competenze professionali richieste dal mondo del lavoro. Il regolamento interno di Accademia prevede quindi che in caso di assenze prolungate nella singola disciplina, che a insindacabile parere del docente non consentano una preparazione adeguata, lo studente non potrà sostenere l’esame relativo alla singola disciplina.
In mancanza di esami in più discipline Accademia non consentirà la prosecuzione del Corso.
Ne conseguirà la non consegna dell'attestato di competenza e la non partecipazione allo stage di fine Corso.

4. Valutazione A. Verifiche interne
Durante i Corsi sono previsti momenti di verifica della crescita professionale di ciascuno studente.
Tali verifiche interne consistono in:
 prove scritte e/o orali;
 project work.
Il numero delle prove, la calendarizzazione e la tipologia delle stesse vengono concordate dalla Direzione di Accademia con i singoli docenti.
Le valutazioni delle prove sono espresse tramite votazioni in trentesimi e/o giudizi relativi alle abilità e competenze acquisite.
In caso di esito negativo la prova dovrà essere ripetuta in data stabilita dalla Direzione Didattica.

Gli elementi di valutazione emersi dalle verifiche effettuate contribuiscono a comporre il quadro complessivo del rendimento di ogni studente.
In relazione alla globalità dei giudizi espressi si potranno verificare i seguenti casi:
 reiterate valutazioni negative circoscritte ad un'area di insegnamento della fase propedeutica: la Direzione di Accademia e il Consiglio dei Docenti potranno precludere l'accesso al relativo percorso di specializzazione.
 reiterate valutazioni negative relative all'intera fase propedeutica: la Direzione di Accademia e il Consiglio dei Docenti (dopo aver discusso con l'interessato la specifica situazione) potranno alternativamente decidere di sospendere il giudizio per un lasso determinato di tempo al fine di consentire il recupero oppure, nei casi ritenuti gravi, di non consentire la prosecuzione del Corso.
 reiterate valutazioni negative relative alla fase di specializzazione: la Direzione di Accademia e il Consiglio dei Docenti si riservano il diritto di proporre lo stage in un settore differente da quello della specializzazione scelta e, in caso di rifiuto da parte dello studente, di non procedere ad ulteriori proposte.

5. Apparecchiature e attrezzature in ordine
È vietato poggiare oggetti non pertinenti sui tavoli dove ci sono i computer.
A maggior ragione non è consentito porre oggetti sui computer stessi e sulle altre attrezzature.
In particolare non è consentito:
poggiare lattine di bevande accanto ai computer e alle altre attrezzature;
consumare cibi (compresi panini, biscotti o altro) o bere vicino ai computer.
Nelle aule, in ogni modo, non possono essere introdotte lattine di bevande né possono essere consumati cibi di alcun genere.
Si ricorda che, per gli intervalli, è stata allestita un’apposita zona al Piano Servizi.
Le aule e gli spazi dove sono sistemati computer e attrezzature vanno lasciati in ordine, riponendo a posto le sedie, le tastiere, i mouse e i computer regolarmente spenti.
Dai tavoli vanno rimosse carte, penne, matite e quant’altro non pertinente.

6. Telefoni cellulari
Non è assolutamente consentito l’uso di telefoni cellulari durante le lezioni.
Gli studenti che trasgrediscono saranno allontanati dall’aula.

7. Compostezza
Non sono ammessi atteggiamenti scorretti, come sedersi sui tavoli e sugli schienali delle sedie. Gli studenti che trasgrediscono saranno allontanati dall’aula.

8. Il cortile esterno
Il cortile esterno è a disposizione degli studenti, tenendo presente che:
- il comportamento deve essere corretto e tale da non disturbare.

In particolare:
va tenuto basso il tono della voce;
vanno utilizzati i posacenere: i mozziconi di sigarette non devono essere lasciati cadere lungo il percorso;
non vanno lasciate in giro carte e lattine;
non si può giocare a pallone.

9. Due ruote e quattro ruote
Motorini, motociclette e biciclette sono parcheggiabili all’interno, ma solo sul fianco/retro dell’edificio.
I mezzi parcheggiati vanno rimossi entro l’orario di chiusura quindi, salvo diversa comunicazione, alla fine delle lezioni o entro il completamento delle operazioni di pulizia.
Attenzione: Accademia non risponde di eventuali furti e/o danneggiamenti.
Il tratto dalla strada fino al cancello interno di Accademia va percorso a motore spento. Così pure, naturalmente, all’uscita: motore spento dal cancello di Accademia fino alla strada.
Le automobili non sono ammesse all’interno.

10. Vialetto condominiale
È assolutamente proibita la sosta, sia a piedi che motorizzata, anche per pochi minuti, nel vialetto condominiale (il tratto compreso tra la strada e il cancello di Accademia)

11. Visitatori
Le persone estranee in visita ad Accademia sono sempre benvenute.
È però necessario segnalarne la presenza al proprio coordinatore e chiedere l’autorizzazione per l’ingresso.

12. Comunicazioni agli studenti
Gli strumenti per le comunicazioni agli studenti (informazioni didattiche, segnalazioni varie, ecc.) sono:
le e-mail;
le apposite caselle installate al piano terra e al primo piano;
le bacheche dei corsi.
In caso di urgenza WhatsApp e SMS inviati ai cellulari degli studenti;
A ogni Corso il coordinatore darà le indicazioni sull’ordine di priorità dei mezzi.
Gli studenti sono perciò tenuti a consultare le fonti di informazioni indicate dai loro coordinatori.
Nessuna giustificazione potrà essere accettata in caso di mancata consultazione.

13. Mediateca
La consultazione di volumi, riviste e altro materiale didattico, appartenente alla Mediateca della Scuola, è strettamente riservato agli studenti di Accademia e disciplinato dalle seguenti norme:
a) Le riviste e gli annual vanno consultati unicamente in Mediateca.
I libri e le videocassette possono essere prestati per un massimo di 15 giorni e vanno restituiti esclusivamente alla responsabile della biblioteca.
Al momento della presa in carico del materiale, l'allievo dovrà riempire in tutte le sue parti l'apposita scheda "modulo prestito materiale biblioteca" che verrà cestinata in occasione della restituzione.
b) Qualora il materiale non venisse restituito nella data stabilita, allo studente sarà addebitato l’intero valore di quanto, dalla scheda, risulta essere in suo possesso.
c) Nessuna giustificazione sarà accettata in caso di danneggiamento o smarrimento del materiale stesso che dovrà essere rimborsato.

14. Pagamento rette
Gli studenti che entro la fine dell’Anno Accademico non avranno completato il pagamento della retta, non potranno essere ammessi agli esami.

15. Aggiornamento delle prescrizioni
In qualunque momento dell’Anno Accademico il presente Regolamento potrà essere variato e/o integrato, al fine di adeguarlo rapidamente alle reali necessità didattiche e organizzative.
Le modifiche saranno subito portate a conoscenza degli studenti e dei docenti.

16. Trasgressioni al Regolamento
Le inadempienze e le trasgressioni al Regolamento verranno sanzionate secondo il criterio della proporzionalità del danno, intendendo per tale non solo quello economico, ma anche quello riconducibile alla lesione dell’interesse comune e dell’immagine di Accademia.

17. Firma del Regolamento
La firma per l’accettazione del Regolamento è la condizione indispensabile per l’iscrizione ai Corsi in Accademia.
La presa di visione del Regolamento può avvenire chiedendo di leggerlo all’atto dell’iscrizione.
L’accettazione del Regolamento deve avvenire firmando apposita dichiarazione all’atto dell’iscrizione.

18. Regolamento della Regione Lombardia
L’estratto dal Regolamento della Regione Lombardia, sotto riportato, è parte integrante del Regolamento di Fondazione Accademia di Comunicazione.

19. Regolamento degli stage di fine corso
Il regolamento degli stage di fine Corso sotto riportato fa parte integrante del presente Regolamento.

20. Professionalità
Ogni studente si impegna a responsabilizzarsi all’uso professionale delle attrezzature, in particolare ottimizzando i tempi di utilizzo ed evitando sprechi di materiali. Devono perciò essere accolte e seguite le indicazioni provenienti dai responsabili della Information Technology e dai Coordinatori dei Corsi.
I vincoli all’uso della strumentazione sono imposti per ragioni di funzionalità generale, e per motivi connessi al raggiungimento di obiettivi didattici in progress.

21. Priorità della didattica
Nella scala delle priorità, l’attività didattica (lezioni dei docenti) ha la precedenza assoluta nell’utilizzo delle apparecchiature.

22. Disciplina delle attività autonome
Nelle aule in cui sono in corso le lezioni, non è consentito lo svolgimento di attività autonome salvo richiesta di autorizzazione specifica al docente presente in aula che, nel caso di comportamento non corretto, può in qualsiasi momento togliere l’autorizzazione e allontanare lo studente dall’aula. Il divieto vale anche nel caso in cui una o più postazioni siano libere.
Negli spazi destinati a esercitazione libera e nelle aule eccezionalmente concesse per attività autonome, valgono tutte le prescrizioni di carattere generale e tecnico contenute nel presente Regolamento.

23. Assetto delle stazioni
Non è consentito connettere cuffie audio o altre periferiche ai computer.
Nel caso che ciò si renda necessario per motivi didattici, il coordinatore provvederà a concedere l’apposita autorizzazione.
Non può assolutamente essere modificato l’assetto delle stazioni, delle tastiere e di ogni altra periferica hardware.
Eventuali cambiamenti e sconnessioni devono essere specificamente richieste ai responsabili della tecnologia. È vietato modificare le impostazioni software e installare qualsiasi tipo di software.

24. Fotocopiatrici
A ogni studente viene consegnata gratuitamente una tessera per effettuare un numero di fotocopie coerente con le attività del Corso al quale è iscritto. La tessera va ritirata presso il Welcome Office.
In caso di superamento del numero prefissato di fotocopie, o di smarrimento della tessera, è possibile acquistarne una nuova.
Non è consentita in nessun caso la copia integrale di libri. Tale divieto è disposto dalle leggi vigenti a protezione del diritto d’autore.

25. Uso delle Tecnologie
I dettagli relativi all’uso delle tecnologie da parte degli studenti sono riportati nell’allegato che fa parte integrante del presente Regolamento.


Estratto dal Regolamento della Regione Lombardia (Allegato al Regolamento generale)

(istruzioni e direttive sulla organizzazione dei Corsi di formazione professionale, riconosciuti dalla regione ai sensi dell’art. 27 L.R. 95/80)

Secondo quanto previsto dall’art. 51 della L.R. 95/80, gli allievi sono tenuti a collaborare nello svolgimento delle attività formative; a tenere un comportamento corretto verso i docenti, il personale e i colleghi; a rispettare i beni, le attrezzature individuali e collettive e le norme antinfortunistiche e a rimborsare eventuali danni volontariamente o colposamente causati.

Per l’inosservanza dei suddetti doveri possono essere erogate sanzioni disciplinari, secondo quanto stabilito dal regolamento dell’ente o della Scuola, da approvarsi preventivamente dall’Assessorato Provinciale alla Formazione Professionale, che può chiedere eventuali variazioni o integrazioni.

Si precisa inoltre che, essendo obbligatoria la frequenza ai corsi diretti al conseguimento di una qualifica o specializzazione, non possono essere ammessi a sostenere le prove intermedie o le prove finali, gli allievi che non siano stati presenti ad almeno tre quarti del numero delle lezioni previste per ogni singolo ciclo (deliberazione del Consiglio regionale n. II/937 del 30.11.1978).

L’Assessore Provinciale alla Formazione Professionale, su richiesta della Direzione dell’Ente o Scuola, può concedere deroghe alla suddetta disposizione qualora gli allievi, a giudizio dei docenti del corso, abbiano raggiunto i livelli formativi minimi previsti per il termine di ogni singolo ciclo e le assenze siano imputabili a gravi motivi.


Regolamento degli stage di fine corso (Allegato al Regolamento generale)

Premessa
Gli stage che Accademia organizza per i propri studenti alla fine del loro percorso formativo sono da considerarsi innanzitutto come un periodo di perfezionamento della propria formazione e in secondo luogo come una possibile occasione di lavoro futuro.
Per questi due motivi lo stage non viene deciso automaticamente d’ufficio, ma presuppone che avvenga una specifica e precisa richiesta da parte dell’Azienda rispetto alla quale gli studenti vengono preselezionati da Accademia, inviati al colloquio di selezione e selezionati dalla stessa Azienda.
La scelta da parte dell’azienda sarà determinata quindi non soltanto dal curriculum e dalla garanzia che l’Accademia darà all’Azienda stessa, ma da ciò che il singolo studente durante il colloquio sarà in grado di dimostrare relativamente alle proprie capacità professionali e di autopresentazione.

Regolamento
1. Gli studenti sono tenuti, entro la data che verrà loro notificata, a far pervenire alla Direzione Didattica i loro curricula sia su carta che spedito via e-mail all’indirizzo di Accademia.
Qualora i curricula non pervengano nei tempi stabiliti non si avrà diritto ad alcuno stage.

2. La scarsa conoscenza della lingua inglese rende improbabile la possibilità dello stage.
Pertanto gli studenti sono invitati a perfezionare la lingua inglese prima di accedere allo stage.
In mancanza di questo requisito non potrà essere effettuato alcuno stage e, comunque, Accademia di Comunicazione declina qualsiasi responsabilità.

3. Come regola generale, ma a maggior ragione in un contesto come quello dell’attuale mercato del lavoro nel nostro Paese , non possono essere presi in considerazione atteggiamenti rigidi nei confronti di opportunità di stage che non corrispondano esattamente ai desideri individuali.
Pertanto, sempre naturalmente nell’ambito delle competenze acquisite nei Corsi frequentati, se uno studente rifiuta senza gravi motivazioni uno stage, perde la possibilità di avere altre opportunità fintantoché tutti i suoi compagni non avranno avuto il loro stage. Quando tutti saranno stati sistemati potrà rientrare nel circuito.
In ogni caso il rifiuto opposto a due opportunità di stage, fa perdere definitivamente qualsiasi successiva opportunità.

4. Quando, a seguito del colloquio, l’Azienda ha selezionato uno studente, questi viene attribuito all’Azienda stessa e da quel momento non parteciperà a nessun’altra selezione e non avrà diritto di recedere, salvo eventi eccezionali che dovranno comunque essere concordati con la Direzione Didattica.
Se, dopo il colloquio di selezione, lo studente dovesse avere seri motivi di indisponibilità nei confronti di quell’Azienda specifica deve immediatamente parlarne con il proprio coordinatore che valuterà con lo studente le motivazioni. Se questo non avviene lo studente dovrà, se scelto, iniziare lo stage.

5. Gli unici motivi di rinuncia a stage iniziato possono essere l’assunzione (o comunque contratto di lavoro retribuito) presso un’altra Azienda, o gravissimi motivi da concordare con la Direzione.
In ogni caso la rinuncia immotivata e non concordata con Accademia a uno stage comporta l’impossibilità di effettuare altri stage e la situazione individuale viene da Accademia definitivamente chiusa.

6. Per gli studenti che hanno avuto più appuntamenti e non sono mai stati selezionati, Accademia cerca di capirne i motivi intervistando le Aziende selezionatrici. Molto di frequente ciò è dovuto ad atteggiamenti comportamentali/caratteriali dei selezionansi.
Se ne parla con gli interessati, non si rinuncia mai, ma Accademia declina ogni responsabilità in merito alla mancanza dello stage.

7. Durante tutto il periodo dello stage la responsabilità dello studente rimane in carico all’Accademia ma lo studente è tenuto a tutti gli obblighi che hanno i dipendenti dell’Azienda: puntualità, presenza, obbligo di avvertire per eventuali assenze o ritardi che comunque devono essere giustificati.

8. Nel caso in cui durante lo stage lo studente abbia l’occasione di un rapporto di lavoro con contratto e retribuito presso un’altra Azienda, può interrompere lo stage dando tempestivo avviso innanzitutto all’Accademia, che dovrà interrompere le pratiche di stage, e solo successivamente all’Azienda, dando a quest’ultima un preavviso di almeno 15 giorni.

9. L’Azienda può per legge interrompere lo stage nel caso in cui non sia soddisfatta del lavoro e/o del comportamento dello studente.
In questo caso, verificati i motivi, se effettivamente l’atteggiamento o il lavoro dello studente fosse stato non corretto, l’Accademia non darà altre possibilità di stage.

10. L’Accademia si riserva il diritto di non dare la possibilità di stage agli studenti che durante la frequenza del Corso abbiano tenuto atteggiamenti scorretti, fatto eccessive assenze non giustificate o nel caso in cui il Consiglio dei docenti abbia espresso perplessità sulla effettiva maturità dello studente in merito all’inizio di una attività lavorativa.
In quest’ultimo caso, sempre che lo studente durante il Corso sia stato corretto e abbia lavorato diligentemente, l’Accademia lo terrà presso di sé il tempo necessario per consentirgli di completare la propria preparazione e, una volta completata, sempre su parere positivo del Consiglio di classe, verrà mandato a colloqui per eventuali stage.

11. La possibilità degli stage è subordinata all’accettazione e sottoscrizione del presente Regolamento.


Regolamento sull’uso delle tecnologie (Allegato al Regolamento generale)

1. Personalizzazioni
Ogni studente avrà una cartella condivisa e una cartella personale sul server, accessibili da qualsiasi postazione.

2. Memoria disponibile
Ogni studente dispone di uno spazio massimo di 200MB sul server.

3. Informazioni dettagliate sugli accessi
Ogni Corso, all’inizio e/o durante l’anno, riceve apposita formazione sull’utilizzo degli account (chiavi d’accesso).

4. Stampe da computer su stampanti b/n e a colori
Le stampanti a uso degli studenti sono monitorate. Ogni studente, utilizzando il proprio Username e la propria Password, può trasmettere l’input di stampa.
Le stampanti monitorate sono le seguenti:

- Piano Terra:
1 stampante b/n e colori nelle adiacenze delle Aule Luna e Sole;

- Primo Piano:
1 stampante b/n e colori nelle adiacenze dell’Ufficio Amministrazione.
A ogni studente, coerentemente con l’attività del Corso al quale è iscritto, vengono dati dei crediti per effettuare gratuitamente un certo numero di stampe in b/n e/o a colori.
Un apposito software di controllo consente così di scalare i crediti in relazione agli utilizzi (stampe) di ciascuno studente.

Per una stampa A4 b/n viene addebitato 1 credito. Per una stampa A4 a colori vengono addebitati 4 crediti.
Nel prospetto che segue sono riportati i crediti assegnati a ciascun studente, suddivisi per tipologia di Corso. In caso di superamento del numero prefissato di stampe, è possibile l’acquisto di ulteriori crediti per un valore minimo di 5 € o multipli.


Corso   Crediti
1° Art/Graf5,00 €
1° Copy5,00 €
1° Mktg e Com5,00 €
2° Art/Graf7,00 €
2° Copy7,00 €
2° Mktg e Com7,00 €
3° Art8,00 €
3° Graf8,00 €
Master Art Direction8,00 €
Master Copy8,00 €
Master Graphic Design8,00 €
Master strategici7,00 €
A titolo esplicativo, nella tabella qui sotto, vengono riepilogati i costi di ciascun servizio di stampa.

TipoCreditoCosto
Stampa b/n A410,01 €
Stampa b/n A320,02 €
Stampa Colore A440,04 €
Stampa Colore A380,08 €

Per esempio, uno Studente del 3° Graf con a disposizione 8,00 € di crediti, potrà effettuare:
- 800 stampe b/n in formato A4
- 400 stampe b/n in formato A3
- 200 stampe A4 a colori
- 100 stampe A3 a colori


Regolamento valido per l'Anno Accademico in corso